Implantologia guidata

Tecnologia al servizio del tuo sorriso

L’implantologia guidata è l’innovativa tecnica odontoiatrica che unisce la conoscenza del medico alla tecnologia digitale. L’intervento di applicazione dell’impianto prevede infatti il supporto di strumentazione diagnostica in 3D e di protocolli clinici moderni e certificati che, senza necessità di bisturi tradizionali e punti di sutura, ti consentono di rimettere in forma il tuo sorriso in tempi brevi.

La tecnologia al servizio della salute dentale

L’implantologia computer guidata digitale richiede grandi competenze mediche e tecnologiche, che vanno costantemente aggiornate. Per ottenere un risultato realmente efficace, preciso e duraturo nel tempo è bene quindi affidarsi a professionisti esperti, che sanno consigliarti la terapia più idonea alle tue esigenze estetiche e funzionali.

I vantaggi dell’Implantologia guidata si riassumono in:

  • Intervento chirurgico minimamente invasivo
  • Senza bisturi tradizionale
  • Senza punti di sutura
  • Ridotta quantità di anestetico
  • Tempi di guarigione ridotti

 Il protocollo clinico dell’implantologia guidata prevede 3 fasi

Una prima fase preliminare in cui viene effettuata la visita implanto-protesica e sono rilevate le impronte delle arcate dentarie superiori e inferiori. La rilevazione è accompagnata da una serie di scatti fotografici intra ed extra orali, con particolare enfasi sull’esame estetico del viso e del sorriso.

In una seconda fase le impronte dentali sono inviate al laboratorio protesico che sviluppa i modelli da studio. Il tecnico si occupa della realizzazione della mascherina individuale radiologica, che serve al medico per l’esame diagnostico in 3D. Il procedimento è essenziale per rilevare i dettagli anatomici e clinici del paziente.

In questa fase gli esami 3D sono inseriti in un computer tramite software dedicato Leone 3Diagnosys. Vengono ricostruiti digitalmente viso e bocca, incluse le strutture anatomiche (pelle, ossa e nervi). Il medico definisce i punti esatti in cui devono essere posizionati gli impianti sulla base della conformazione anatomica. Infine l’implantologo ha la possibilità di visualizzare un’anteprima virtuale del lavoro finito e verificarne il rispetto dei canoni funzionali ed estetici del paziente.

Nella terza e ultima fase il progetto virtuale prevede la realizzazione di una replica anatomica con la stampa di un modello 3D della bocca, dove viene simulata l’applicazione degli impianti nella posizione idonea. Su questo modello 3D viene costruita la mascherina chirurgica, che permette, successivamente, al medico di effettuare con la massima precisione l’intervento, senza l’apertura di lembi gengivali con un bisturi tradizionale e senza punti di sutura, velocizzando così il recupero e la guarigione dei tessuti.

Quanti appuntamenti sono necessari?

Il percorso terapeutico si completa in 4/5 appuntamenti.